Синтаксические и функционально-семантические особенности употребления условного наклонения в итальянском языке

Статья - Разное

Другие статьи по предмету Разное

Скачать Бесплатно!
Для того чтобы скачать эту работу.
1. Пожалуйста введите слова с картинки:

2. И нажмите на эту кнопку.
закрыть



a. Se ieri venivi alla festa, ti divertivi un sacco.

b. Se adesso eri alla festa, ti divertivi un sacco.

e. Se domani venivi alla festa, ti divertivi un sacco.

Il valore di controfattualit dellindicativo imperfetto nei costrutti condizionali del sistema substandard confermato dallapplicazione delle stesse prove per dimostrare linterpretazione non obbligatoriamente controfattuale della combinazione congiuntivo piuccheperfetto e / o condizionale composto in italiano standard. Infatti (47), con limperfetto a segnalare la controfattualit ed il contesto linguistico successivo a segnalare invece lipoteticit nel passato, inaccettabile, mentre (48), che la versione di (38b) nel sistema substandard, non del tutto accettabile:

(47) Se quelledificio era stato venduto, nellarchivio del catasto ce nera traccia: bisogna quindi passare a controllare in quellufficio.

(48) Se prendeva il treno delle 3 arrivava alle 9; se invece prendeva

quello delle 5 arrivava alle 11; adesso mezzogiorno, e quindi lo troviamo comunque in albergo.

 

 

g) Costrutti condizionali pseudocoordinati

 

In alcuni casi un rapporto condizione-conseguenza non viene espresso da una apodosi sovraordinata contenente una protasi subordinata introdotta da se (come negli esempi visti fin qui), ma da una sequenza di due frasi apparentemente coordinate, collegate eventualmente da operatori di congiunzione o disgiunzione; la prima frase pu essere imperativa o interrogativa (polare):

(49) a. Alza le mani o / altrimenti / se no sparo!

b. Ripetilo e ti rompo la testa!

c. Dammi retta e non ti pentirai!

d. Vuoi un gelato? Te lo vado subito a prendere.

e. Cercano la rissa? Gli daremo un sacco di botte.

 

Di solito se la prima frase interrogativa la seconda frase pu essere introdotta da un operatore di congiunzione, ma non da un operatore di disgiunzione:

(50) a. Vuoi un gelato? E io te lo vado subito a prendere.

b. Vuoi un gelato? O / Altrimenti / Se no non te lo vado subito a prendere.

(51) a. Cercano la rissa? E noi gli daremo un sacco di botte.

b. Cercano la rissa? O / Altrimenti / Se no non gli daremo un sacco di botte.

I costrutti in (49) costituiscono delle pseudocoordinazioni, e sono normalmente parafra-sabili tramite costrutti condizionali subordinati:

(52) a. Se non alzi le mani sparo.

b. Se lo ripeti ti rompo la testa.

e. Se mi dai retta non ti pentirai.

d. Se vuoi un gelato te lo vado subito a prendere.

e. Se cercano la rissa gli daremo un sacco di botte.

 

Dal punto di vista delle azioni linguistiche eseguibili con questi costrutti, si pu dire che in (49), come in (52), si trovano ordini modificati da minacce (a. e b.), esortazioni modificate da previsioni favorevoli (e.), offerte precedute da richiesta di conferma (d.), e minacce (e.).

Per linterpretazione semantico-pragmatica di questi costrutti necessario ricordare in primo luogo che fanno immediatamente scattare linferenza sollecitata:

(53) a. Se alzi le mani non sparo.

b. Se non lo ripeti non ti rompo la testa.

c. Se non mi dai retta ti pentirai.

d. Se non vuoi un gelato non te lo vado (subito) a prendere.

e. Se non cercano la rissa non gli daremo un sacco di botte.

 

Su questa base linterpretazione dellimperativo come ordine (a.-b.) o come consiglio (e.) dipende dal valore argomentativo della seconda frase: in (49a-b) linterlocutore non vede come positivo il fatto che gli si spari o gli si voglia rompere la testa, sceglie come preferenziale la lettura di (53a-b) (cio linferenza sollecitata), ed interpreta limperativo come ordine (positivo in a., per la presenza delloperatore di disgiunzione, negativo in b., per la presenza delloperatore di congiunzione); in (49c), invece, il non rischiare di pentirsene visto come positivo, linterlocutore sceglie come preferenziale la lettura in (52c), ed interpreta limperativo come consiglio, o esortazione.

Anche le frasi b. e c. possono essere realizzate con operatori di disgiunzione (come a.), negando la proposizione opportuna secondo il meccanismo appena illustrato:

(54) a. Non ripeterlo o / altrimenti / se no ti rompo la testa.

b. Dammi retta o / altrimenti / se no ti pentirai.

 

Va segnalato che (54b), come anche (53c), facilmente interpretabile non solo come consiglio, ma anche come ordine modificato da una minaccia: ci dipende dalleventuale controllo del parlante sul pentimento dell interlocutore.

Le frasi (52) possono comparire con la concordanza congiuntivo nella protasi + condizionale nellapodosi; con la combinazione congiuntivo imperfetto + condizionale semplice conservano, sep-pur indebolito, il valore di azioni linguistiche come ordini, consigli, esortazioni, minacce, ecc., mentre con la combinazione congiuntivo piuccheperfetto + condizionale composto possono essere intesi solo come condizionali dichiarativi:

 

(55) a. Se non alzassi le mani sparerei.

b. Se lo ripetessi ti romperei la testa.

e. Se mi dessi retta non ti pentiresti.

d. Se volessi un gelato te lo andrei subito a prendere.

e. Se cercassero la rissa gli daremmo un sacco di botte.

(56) a. Se non avessi alzato le mani avrei sparato.

b. Se lo avessi ripetuto ti avrei rotto la testa.

e. Se mi avessi dato retta non ti saresti pentito.

d. Se avessi voluto un gelato te lo sarei subito andato a prendere.

e. Se avessero cercato la rissa gli avremmo dato un sacco di botte.

 

I costrutti pseudocoordinati esemplificati in (49), invece, non

 

possono seguire la concordanza normale dei condizionali, neppure nella proposizione che corrisponde allapodosi della costruzione subordinata:

(57) a. Alza le mani o / altrimenti / se no sparerei / avrei sparato.

b. Ripetilo e ti romperei / avrei rotto la testa.

c. Dammi retta e non ti pentiresti / saresti pentito.

d. Vuoi un gelato? Te lo andrei / sarei andato subito a pren dere.

e. Cercano la rissa? Gli daremmo / avremmo dato un sacco di botte.

 

h) Costruiti condizionali interrogativi e imperativi

 

Tutti i periodi ipotetici presi in considerazione finora presentano una apodosi dichiarativa, ma possibile trovare costrutti la cui apodosi una proposizione interrogativa o imperativa. Nel caso dellinterrogativa si trovano le possibilit di concordanza di modi e Tempi viste fin qui, sia per le interrogative polari sia per le interrogative argomentali:

(58) a. Se vinci alla lotteria, comprerai unauto nuova?

b. Se vincessi alla lotteria, compreresti unauto nuova?

c. Se avessi vinto alla lotteria, avresti comprato unauto nuova?

(59) a. Se vinci alla lotteria, cosa farai con i soldi?

b. Se vincessi alla lotteria, cosa faresti con i soldi?

c. Se avessi vinto alla lotteria, cosa avresti fatto con i soldi?

Nel caso dellimperativa, la protasi pu essere solo allindicativo, o al congiuntivo imperfetto:

(60) a. Se hai bisogno di me, chiamami a casa.

b. Se avessi bisogno di me, chiamami a casa.

c. Se avessi avuto bisogno di me, chiamami a casa.

 

Periodi ipotetici di questo tipo possono essere espressi anche come pseudocoordinazioni, con la protasi realizzata da una domanda. In questo caso, fermo restando limpiego delle forme dellimperativo nellapodosi, nella domanda si pu trovare solo lindicativo:

(61) a. Hai bisogno di me? Chiamami a casa.

b. Avessi bisogno di me? Chiamami a casa.

c. Avessi avuto bisogno di me? Chiamami a casa.

 

Esistono alcuni costrutti introdotti dalloperatore di subordinazione se che non sono necessariamente ipotetici n condizionali, in quanto non presentano contenuti proposizionali ipotizzati, ma sicuramente veri (o sicuramente falsi), e fra i contenuti proposizionali di protasi ed apodosi non esiste in genere alcun reale rapporto di condizione-conseguenza: si tratta dei costrutti bi-affermativi, e dei costrutti bi-negativi.

 

Un costrutto bi-negativo caratterizzato da una apodosi dal contenuto proposizionale patentemente falso, e da una concordanza generalmente allindicativo:

(62) a. Se tu giochi bene a tennis, io sono Ivan Lendl.

b. Se tu giocassi bene a tennis, io sarei Ivan Lendl.

c. Se tu avessi giocato bene a tennis, io sarei stato Ivan Lendl.

(63) a. Se Piero forte a scacchi, io sono Gorbaciov.

b. Se Piero fosse forte a scacchi, io sarei Gorbaciov.

c. Se Piero fosse stato forte a scacchi, io sarei stato Gorbaciov.

 

Fra il contenuto proposizionale della protasi e quello dellapodosi pu esistere, ma non necessariamente, un qualche collegamento di tipo logico: infatti in (62a) si pu ricostruire un paragone del tipo Se il tuo modo di giocare a tennis si pu definire buono, allora il mio

s