Синтаксические и функционально-семантические особенности употребления условного наклонения в итальянском языке

Статья - Разное

Другие статьи по предмету Разное

Скачать Бесплатно!
Для того чтобы скачать эту работу.
1. Пожалуйста введите слова с картинки:

2. И нажмите на эту кнопку.
закрыть



elementi sono collocati sul medesimo piano temporale:

La stazione era deserta. Carla indossava un soprabito scuro. Lorologio segnava le venti e trenta,

La stessa scena, resa con i verbi al passato remoto, da piuttosto lidea di un susseguirsi poco coerente di frasi:

La stazione fu desena. Carla indoss un soprabito scuro. Lorologio segn le venti e trenta.

 

Questa differenza messa a frutto quando si esercita, a qualsiasi livello, larte del raccontare: limperfetto descrive luoghi e personaggi o delinea stati di cose, mentre i tempi perfettivi (il passato remoto o il presente storico) sono necessari per dare il via alla storia, per riferire in modo ordinato il susseguirsi degli avvenimenti. Lo si pu facilmente verificare analizzando linizio di una fiaba:

Cera una volta a Palermo un certo Don Giovanni Misiranti, che a mezzogiorno si sognava il pranzo e alla sera la cena, e di notte se li sognava tutti e due. Un giorno, con la fame che gli allungava le budella, usc fuori porta. (da Fiabe italiane raccolte e trascritte da Italo Calvino, Milano, A. Mondadori).

Quanto detto non vale nei casi in cui limperfetto assume valori aspettuali propr del passato remoto, come avviene con il cosiddetto imperfetto narrativo, caratteristico, oltre che della lingua letteraria, dei resoconti giornalistici:

Nel ribollire della disamistade cadevano le elezioni regionali del 51; i candidati democristiani disertavano la piazza, la frequentavano invece i comunisti (L. Sciascia, Le parrocchie di Regalpetrd);

allo scoccare della mezzanotte lassassino entrava di soppiatto in casa delle vittime;

al ventisettesimo minuto della ripresa il centravanti raccoglieva un abile invito del numero 10 e metteva in rete.

Talvolta limperfetto pu assumere valori modali diversi da quelli propri dellindicativo. Si distingue in particolare:

 

1. un imperfetto ipotetico:

facevi meglio a stare zitto; potevano anche dircelo prima.

Questuso comune soprattutto nel parlato; in una variet pi formale di lingua troviamo invece il condizionale passato {facevi = avresti fatto; potevano = avrebbero potuto);

 

2. un imperfetto irreale: si ha ogniqualvolta il tempo verbale serve a sottolineare un distacco dalla realt e la creazione di un universo fittizio. tipico delle narrazioni di sogni o della trama di unopera letteraria:

poi entravo in unenorme sala a specchi: dopo alcuni secondi le pareti iniziavano a muoversi verso di me...

e nel cosiddetto imperfetto Indico, comune nelle affabulazioni dei bambini: Allora, facciamo che io ero il papa e tu la mamma;

 

3. un imperfetto attenuativo, a cui si ricorre in particolare con il verbo volere e sinonimi, per conferire un tono di cortesia o di attenuazione del valore iussivo di una richiesta; si immagini il seguente dialogo tra un salumiere e una cliente, in cui chiaramente i due imperfetti non hanno valore temporale:

- Cosa desiderava signora?

- Mah, volevo due etti di prosciutto.

Nel secondo caso limperfetto pu essere adeguatamente sostituito dal condizionale presente.

 

Il passate prossimo. Questo tempo composto, formato dal presente di un ausiliare (essere o avere) e dal participio passato del verbo, esprime un fatto compiuto nel passato, ma che ha una qualche relazione col presente, o perch levento descritto perdura nel presente:

due giorni fa ho preso una brutta influenza (e ancora ne soffro);o perch perdurano gli effetti dellevento descritto:

Marco nato il 21 settembre del 1943;

ho imparato linglese durante un soggiorno di studio negli Stati Uniti;

 

per quanto riguarda il primo esempio significativo il fatto che si usi il passato prossimo per indicare la nascita di un personaggio ancora vivente, ma sia dobbligo il passato remoto per indicare il dato biografico di un defunto:

Manzoni nacque nel 1785.

Anche senza laccompagnamento di avverbi o di locuzioni avverbiali, il passato prossimo pu equivalere in qualche caso a un futuro anteriore, presentando il fatto come compiuto nel futuro:

un ultimo sforzo e ho finito (= avr finito).

 

II passato remoto. Indica unazione conclusa nel passato, prescindendo dal suo svolgimento e dai suoi eventuali rapporti col presente. Si noti la differenza tra:

1. Mora via scrisse Gli indifferenti dal 1925 al 1928;

2. Moravia scriveva Gli indifferenti tra il 1925 e il 1928;

3. Moravia ha scritto Gli indifferenti.

 

Nella frase 1 il passato remoto scrisse mette in rilievo laprirsi e il chiudersi dellazione, il suo inizio e la sua fine. Nella frase 2 limperfetto scriveva sottolinea lo svolgimento dellazione entro i limiti temporali indicati. Nella frase 3 il passato prossimo ha scrtto esprime insieme la compiutezza dellazione e la sua "attualit": Moravia autore di questo libro, questo libro esiste, possiamo leggerlo.

Nella lingua contemporanea il passato remoto viene spesso sostituito dal passato prossimo: lanno scorso sono andato a Venezia. Particolarmente nel parlato, il prevalere del passato prossimo rispetto al passato remoto si giustifica con lesigenza di avvicinare i fatti al momento della narrazione, con ragioni cio di immediatezza espressiva. Si noti che questo uso del passato prossimo al posto del passato remoto, ora sempre pi generalizzato, tipico dellItalia settentrionale; nel meridione si ricorre invece al passato remoto anche riferendosi a fatti avvenuti in un tempo vicinissimo al presente: arrivai un quarto dora fa.

 

Il trapassato prossimo e il trapassato remoto. Il trapassato prossimo(o piuccheperfetto), formato dallimperfetto di un ausiliare (essere o avere) e dal participio passato del verbo, indica un fatto del passato, anteriore a un altro fatto pure del passato:

mi ero appena addormentato, quando bussarono alla porta.

Il trapassato prossimo pu assumere valori modali diversi da quelli propri dellindicativo:

 

1. trapassato prossimo ipotetico, usato colloquialmente nellapodosi del periodo ipotetico, in luogo del condizionale passato.

se non mi fossi ammalato a questora avevo gi terminato gli esami;

2. trapassato prossimo attenuativo:

Buongiorno, ero venuto per chiederle una cortesia.

Questi valori modali, che ricalcano in parte quelli dellimperfetto, sono dovuti con ogni probabilit allinflusso dellausiliare del trapassato prossimo, coniugato allimperfetto indicativo.

 

Il trapassato remoto, formato dal passato remoto di un ausiliare (essere o avere) e dal participio passato del verbo, indica un fatto anteriore al passato remoto. Il trapassato remoto ha un uso pi limitato del trapassato prossimo; infatti, mentre questo si pu incontrare sia nelle proposizioni principali sia nelle proposizioni subordinate, il trapassato remoto oggi si trova solo nelle proposizioni temporali introdotte da quando, dopo che, non appena, appena (che):

non appena se ne fu andato, vennero a cercarlo.

 

II futuro semplice e il futuro anteriore. Il futuro semplice indica un fatto che deve ancora verificarsi o giungere a compimento:

arriver domani; terminer il lavoro entro una settimana.

Il futuro semplice pu assumere valore di imperativo:

farete esattamente come vi ho detto; imparerai questa poesia a memoria.

Il futuro anteriore, formato dal futuro semplice di un ausiliare (essere o avere) e dal participio passato del verbo, indica un evento futuro, anteriore a un altro pure del futuro; quindi una sorta di "passato nel futuro":

quando lo avrai visto, te ne renderai conto.

Sia il futuro semplice sia il futuro anteriore possono indicare un dubbio, una supposizione o una deduzione del parlante:

hanno bussato alla porta, sar Marco;

a occhio e croce questa pizza peser due etti;

quando iniziato lo spettacolo saranno state le nove;

in questo caso il futuro ha valore modale, non temporale, come si evince dal fatto che i verbi degli esempi riportati non esprimono posteriorit.

 

 

 

Tempi del congiuntivo:

I tempi del congiuntivo sono quattro: presente, imperfetto, passato, trapassato.

II congiuntivo viene usato soprattutto nelle proposizioni dipendenti. In quelle indipendenti - nelle quali il congiuntivo pu esprimere volont, dubbio, concessione - i due tempi semplici (presente e imperfetto) si usano con riferimento al presente:

 

dica

pure cio che vuole

dicesse

 

I due tempi composti (passato e trapassato) si usano invece con riferimento al passato:

s