Синтаксические и функционально-семантические особенности употребления условного наклонения в итальянском языке

Статья - Разное

Другие статьи по предмету Разное

Скачать Бесплатно!
Для того чтобы скачать эту работу.
1. Пожалуйста введите слова с картинки:

2. И нажмите на эту кнопку.
закрыть



a. Alto com / quant, Giorgio non riuscito a segnare un solo

canestro.

b. Giorgio (molto) alto, ma non riuscito a segnare un solo canestro.

(63) a. Tardi comera, ha voluto a tutti i costi andare a fare un giro lungo

il fiume.

b. Era (molto) tardi, ma ha voluto a tutti i costi andare a fare un giro lungo il fiume.

(64) a. Per quanto veloci sembrassero i nostri ragazzi, gli elementi del gruppo avversario arrivavano sempre con almeno tre secondi di vantaggio.

b. I nostri ragazzi sembravano (molto) veloci, ma gli elementi del gruppo avversario arrivavano sempre con almeno tre secondi di vantaggio.

 

 

 

g)Semantica dei costrutti a-condizionali

 

Nei costrutti detti a-condizionali il contenuto proposizionale della subordinata non condiziona quello della sovraordinata, contrariamente a quanto accade per i costrutti condizionali . Tali costrutti possono essere fondamentalmente di due tipi, con le frasi (3a) e (3b): Che ti piaccia o no, stasera andr al cinema; Ovunque vada, Ugo trover degli amici. Il significato intuitivo di (3a) che data o meno una determinata condizione (la contentezza dellinterlocutore), il parlante andr al cinema; quello di (3b) che in ogni luogo nel quale il protagonista si possa recare trover sicuramente degli amici.

Ecco una analisi maggiormente formalizzata della semantica di questi costrutti. Le subordinate di un a-condizionale come (3a) esprimono la disgiunzione di un contenuto proposizionale p e del suo contrario non-p, riassumibile con la formula p o non-p, che tautologica, sempre vera: proprio per questo il contenuto proposizionale della subordinata non ha alcun effetto su quello della sovraordinata. Il significato di questo primo tipo di costrutto a-condizionale si pu cos rappresentare: p o non-p, q = pvero O PFalso> qVero.

 

II confronto fra questo schema e quello riportato in (29), che rappresentava una parte del significato dei costrutti condizionali concessivi, mostra quanto questi ultimi siano vicini semanticamente a questo primo tipo di a-condizionali: in un caso la possibilit che p sia falso comunicata implicitamente dalla presenza di anche (o di elementi lessicali dal significato affine), nellaltro espressa esplicitamente dalla disgiunzione presente nella subordinata.

Nel caso dei costrutti a-condizionali come (3b), la presenza di relativi indefiniti fa s che la subordinata esprima un contenuto insaturo: una funzione proposizionale con una variabile libera, simbolizzabile con p(x).

Per tutti i valori assunti dalla variabile x, e quindi per tutti i contenuti proposizionali ottenuti dalla subordinata, il contenuto proposizionale della sovraordinata risulta vero." Il significato di questo secondo tipo di costrutto a-condizionale si pu cos rappresentare: p(x), q = V x, p = F(x), qvero.

 

Anche in questo caso il confronto con lo schema riportato in (29) mostra la vicinanza semantica fra questi pur diversi tipi di costrutto: come nei condizionali concessivi, lo statuto del contenuto proposizionale della subordinata irrilevante per la verit di quello della subordinata (e dellintero costrutto),

A differenza dei costrutti condizionali concessivi (e di quelli concessivi fattuali), dove fra i tipi di evento presentati dalla subordinata e dalla sovraordinata viene comunque instaurato un rapporto di contrasto, i costrutti a-condizionali non pongono esplicitamente tale contrasto: semplicemente lascoltatore pu inferire che fra il tipo di evento presentato nella sovraordinata ed uno di quelli o disgiunti nella subordinata o ottenibili dando un valore alla variabile x sempre nella subordinata, un contrasto ci possa essere. Esemplificando, nelles. (3a) di 2.4. si pu vedere un contrasto fra il dispiacere dellinterlocutore e lintenzione del parlante di andare al cinema, come in (3b) ipotizzabile che possa esistere un luogo specifico nel quale il protagonista non riuscir a trovare degli amici.

 

Il costrutto a-condizionale non instaura per necessariamente questo contrasto tra tipi di eventi:

(65) Dovremo stare attenti alla concorrenza economica degli altri paesi europei, che facciano o no parte della CEE.

(66) Dalla cima della collina, ovunque girassimo gli occhi, non potevamo evitare di tornare a fissare sempre quel villaggio.

 

h)I costrutti con disgiunzione

 

I costrutti a-condizionali del tipo di (3 a) possono avere la subordinata costruita su una correlazione sia che... sia che...:

(67) Sia che ti piaccia sia che non ti piaccia, stasera andr al cinema.

(68) Sia che lo paghino bene sia che lo paghino male / non lo paghino bene, Piero fa il suo lavoro senza lamentarsi.

(69) Sia che abbia avuto ragione sia che abbia avuto torto / non abbia avuto ragione / non labbia avuta, dobbiamo aiutarlo perch nostro amico.

Nei costrutti a-condizionali, il verbo della subordinata generalmente al congiuntivo; nello stile colloquiale si trova anche lindicativo:

(70) Sia che ti piace sia che non ti piace, stasera andr al cinema.

In uno stile piuttosto elevato possibile lellissi delle forme correlative, e la semplice giustapposizione tramite virgole dei due elementi alternativi, con inversione di posizione fra verbo e soggetto espresso:

(71) In realt la parola villanella, come designazione di forma poetica, cio di un determinato componimento, apparisca essa in scritti dialettali, apparisca in scritti italiani, termine letterario (C. Calcaterra, Poesia e canto. Studi sulla poesia melica italiana e sulla favola per musica, Bologna, Zanichelli, 1951, p. 7)

 

A parte la correlazione con sia che... sia che..., il costrutto pu articolare la proposizione subordinata su una disgiunzione con che... o (che)...:

(72) a. Che ti piaccia o (che) non ti piaccia, stasera andr al cinema.

b. Che lo paghino bene o (che) lo paghino male / non lo paghino bene, Piero fa il suo lavoro senza lamentarsi.

c.Che abbia avuto ragione o (che) abbia avuto torto / non abbia avuto ragione / non labbia avuta, dobbiamo aiutarlo perch nostro amico.

 

Nei costrutti articolati sulla disgiunzione, la seconda parte della subordinata (quella che esprime non-p) pu subire diversi processi di riduzione o pronominalizzazione negativa, che comportano per limpossibilit (invece della facoltativit) del secondo che:

 

(73) a. Che ti piaccia o (che) no / meno, stasera andr al cinema.

b. Che lo paghino bene o (che) no / meno / male, Piero fa il suo

lavoro senza lamentarsi.

c.Che abbia avuto ragione o (che) no / meno / torto, dobbiamo aiutarlo perch nostro amico.

In alcuni casi, di stile pi alto, cade anche il primo che, e resta solo la disgiunzione o, ma c di nuovo inversione di posizione fra verbo e soggetto espresso, come nellesempio (71):

(74) Ci piaccia o no / meno questa situazione, ormai non c pi nulla da fare.

 

Pu esserci inversione di posizione fra verbo e soggetto espresso anche quando gli elementi messi direttamente in contrapposizione tramite la disgiunzione o sono anticipati prima del verbo:

 

(75) a. Bene o male che lo paghino i suoi committenti, Piero fa il suo

lavoro senza lamentarsi.

b. Ragione o torto che abbia avuto, dobbiamo aiutarlo perch nostro amico.

 

Fra i relativi indefiniti che compaiono nelle subordinate (al congiuntivo) dei costrutti a-condizionali, chiunque sono solamente pronominali:

(76) a. Chiunque tu sia, non ti voglio ascoltare.

b. Checch tu sia, non ti voglio ascoltare.

(77) a. Checch succeda durante la riunione, necessario affrontare il problema senza nascondere la testa nella sabbia.

b. Chiunque succeda durante la riunione, necessario affrontare il problema senza nascondere la testa nella sabbia.

 

Qualunque usato sia predicativamente che attributivamente (in questultimo caso prevalentemente con referenti singolari). Qualsiasi usato in genere in posizione attributiva (sempre con referenti singolari), e forma spesso un sintagma quasi cristallizzato con cosa:

(78) a. Qualunque sia il motivo che lo ha spinto tra di noi, non

voglio fidarmi di un forestiero.

b. Le Materassi ... presero a rimanere con la testa china sul lavoro ... qualunque fossero le escandescenze e le risate squillanti delle dame (A. Palazzeschi, Le sorelle Materassi, Firenze, Vallecchi,1934, p. 272)

(79) a. A qualunque festa si vada, bene essere eleganti.

b. A qualunque feste si vada, bene essere eleganti.

 

(80) a. Da qualsiasi radice sociale provenga, il razzismo risulta

sempre un profondo segno di ignoranza e di barbarie.

b. Da qualsiasi radici sociali provenga, il razzismo risulta sempre un profondo segno di ignoranza e di barbarie.

(

s