Синтаксические и функционально-семантические особенности употребления условного наклонения в итальян...

Дипломная работа - Разное

Другие дипломы по предмету Разное

Скачать Бесплатно!
Для того чтобы скачать эту работу.
1. Пожалуйста введите слова с картинки:

2. И нажмите на эту кнопку.
закрыть



irrealt che ha lapodosi collocata nel passato:

- So che domani vai a Roma. Ci sarei venuto anchio, ma ho da fare (oppure: se non avessi da fare).

- Una volta nella nostra cappella tenevano messe anche per il pubblico. Questanno no. Saresti venuto, vero? (G. Arpino, La suora giovane).

Anche in questi casi possibile luso alternativo dellindicativo imperfetto :

- A Roma domani ci venivo anchio se non avessi da fare(Moravia).

 

E forse utile tornare a riflettere un po su quel gnre particolare di condizionamenti come "suggeriti da opportunit o ncessita di adattamento comportamentale a specifici aspetti situazionali", che, pur non esplicitati, ciascuno di noi intuisce, avere, cogliere, e in base ai quali (riluttante o no) regola il proprio modo di comportarsi. Tali aspetti variano col variare a) delle situazioni (pi formali, meno formali, non formali), b) della funzione comunicativa (narrativa, espressiva, conativa, imperativa ...) o c) (forse pi spesso) degli interlocutori (e in base al loro ruolo sociale, allet, al sesso, al loro contingente stato urnorale, all loro azioni e reazioni). Sono tipi vari di condizionamenti che, dettati in gnre dal desiderio o comunque dalla ncessita di stabilire armonia di rapporti, non solo comunicativi, determinano le nostre scelte (o stratgie) di comportamento, e dunque anche linguistiche.

E cosi che si pu spiegare, ad esempio, una frase come la seguente formulata da chi desiderasse far conoscere la propria casa a qualcuno: "Questa sarebbe la mia casa". Come sarebbe? E o non ? E, naturalmente, ma rapporte di cortesia suggerisce che la brusca referenzialit dellindicativo si attenui nel senso di conciliante garbatezza del condizionale. Mediante il quale il parlante sembra quasi subordinare la vrit di quanto afferma al punto di vista, allapprovazione o disapprovazione del suo interlocutore: che rappresenta un condizionamento non trascurabile.

Situazioni comunicative analoghe, soprattutto parlate, ricorrono con assoluta quotidianit. E il condizionale vi appare lo strumento pragmatico , tipico di un rapporte che predilige i modi dlla conciliante offerta o richiesta di disponibilit, della garbata proposta, dlla discreta esitazione, dlla valutazione rispettosa e misurata, dlla distaccata ironia, della domanda aperta e possibilista.

Le espressioni qui di seguito proposte come esempio potrebbero avre la condizione o il condizionamento espressi o sottintesi (come suggeriti dalla situazione in se). Noi abbiamo preferito questa seconda soluzione, ritenendola la pi ricorrente nella realt comunicativa. In parentesi accenneremo comunque a qualche esempio, e non sempre con lesplicitante se. Non di rado verra fatto di notare che i significati potrebbero variare col variare del tipo di situazione:

semplice potenzialit nel prsente o nel passato: In casi come questo, qualcuno parlerebbe (avrebbe parlato) di tradimento.

aperta offerta di disponibilit: Pagherei chiss che per un bicchier dacqua. (Ma ho paura che sar difficile averlo) Qui il passato suonerebbe come un rammarico: Avrei pagato chiss che (...).

richiesta gentile (con verbo di volont): Vorrei un caffe. - Preferirei rimanere sola. (Se non vi dispiace)

In casi come questo, soprattutto con i verbi volere e desiderare, il richiedente potrebbe anche usare limperfetto attenuativo . E cio, in particolare, come risposta a una richiesta fatta con limperfetto della medesima modalit da parte dellinterlocutore; il quale, per altro, non potrebbe usare il condizionale, che (si veda pi sotto) suonerebbe come provocazione: "Che desidera (voleva, desiderava)" "Volevo (vorrei, desideravo), un caffe."

 

Qui il passato suonerebbe come rinuncia o rimprovero: Avrei voluto un caffe

(esempio: ma ho fatto bene a non.../ ma tu...)

richiesta resa pi conciliante e gentile dalla forma interrogativa: Mi daresti (potrei avre) un bicchier dacqua?

Qui il passato suonerebbe come richiesta di informazione.

gentile invito, e rifiuto gentilmente esitante: "Ci verresti (vieni) al cinma con noi?" "Ma io, veramente, avrei da studiare."

Qui il passato suonerebbe come gentile richiesta di informazione con relativa gentile risposta.

manifestazione di un desiderio (che potrebbe anche nascondere una richiesta): Verrai (tanto) volentieri a Roma con te. (Se non temessi di disturbarti) -Adesso si che mi fumerei una bella sigaretta! (Non hai mica da offrirmela?)

domanda per conforma: Sarebbe quello tuo genero? - Questo sarebbe il libro di cui mi parlavi? (Se non mi sbaglio questo potrebbe essere...)

Talvolta anche con qualche moto di meraviglia o incrdulit o ammirazione o invidia: Sarebbe questa la tua Lucia? - Quel piccolino li parlerebbe gi cinque lingue?

presentazione di qualcuno o qualcosa in tono discreto e sommesso (usando essere): Questa sarebbe la mia biblioteca. (Anche se piuttosto modesta)

sommesso intervento del parlante (per consiglio, proposta o altro gentilmente sollecitato dallinterlocutore), anche introdotto da un verbo corrispondente: Oddio, io qualcosa in testa ce lavrei pure. (N. Boni, in La stampa, 8-8-1988) - "Tu che dici (pensi, consigli, suggerisci // diresti, penseresti, consiglieresti, suggeriresti) di fare stasera?" "Io direi (penserei, consiglierei, suggerirei) di fare una partitina a poker". (Se posso, io direi...).

Qui il passato suonerebbe come ripensamento su qualcosa che forse avrebbe potuto o dovuto essere fatto.

opinione in tono attenuate (di chi, spesso anche il verbo dovere, mostra molta fiducia sulla probabilit di realizzazione):

Una soluzione salomonica che dovrebbe mettere a tacere tutte le polemiche (...). (in il Giornale, 27-10-1995)

opinione garbatamente a contrario: "Gli scalatori di alta montagna sono degli sconsiderati perch mettono a repentaglio la loro vita. Lei, dottore, che ne pensa?" "Ma io, veramente, non sarei cosi severo in proposito."

presa di distanza ironicamente tagliente in forma di domanda: Un ipotetico professore a un ipotetico interrogato: "E tu avresti studiato?" (come a dire: "Checch tu insista a dire, non hai studiato proprio.") - "E quello sarebbe un bravo medico?" (si potrebbe dire di un medico che immeritatamente gode di buona fama)

domanda in tono di incredulit o di risentimento per impedire o disapprovare fatti o progetti dellinterlocutore o di altri; o anche per provocare linterlocutore stesso: Che farebbe tuo fratello stasera!? Uscirebbe?! (Come a dire: "Se ha unintenzione del gnre, se la tolga dalla testa.") - Tu esporresti un tale monumento in luogo pubblico? (l. Silone, Il segreto di Luca) - "Come sarebbe a dire?!" chiese il commissario sbarrando gli occhi. (P. Chiara, I giovedi della signora Giulia).

La stessa domanda al passato, puo anche servire a smentire un fatto o a difendersi da qualche accusa: Anna: "E stato Carlo a dire che Luigi...." Carlo: Che cosa avrei detto io?".

 

 

III. IL periodo IPOTETICO

 

1.Le frasi ipotetiche

 

Le frasi ipotetiche (cio le proposizioni subordinate introdotte nella gran parte dei casi dalloperatore di subordinazione se) formano, insieme alle proposizioni sovraordinate da cui dipendono, frasi complesse tradizionalmente chiamate periodi ipotetici, che noi chiameremo anche costrutti condizionali.

Allinterno di un costrutto condizionale la proposizione subordinata viene chiamata protasi, mentre la proposizione sovraordinata viene chiamata apodosi; prese singolarmente protasi ed apodosi possono essere frasi semplici, come in (1), oppure frasi complesse che contengono proposizioni coordinate, come in (2), o frasi complesse contenenti (almeno) una proposizione subordinata come in (3):

(1) Se partiamo abbastanza presto, non troveremo molto traffico.

(2) Se il treno non in ritardo ed i vagoni non sono troppo affollati, faremo un viaggio comodo ed arriveremo in tempo per la partita.

(3) Se credi di essere troppo stanco per fare quel lavoro, sar meglio affidarlo a qualche altro tuo collega.

Inoltre lapodosi di un costrutto condizionale non deve essere necessariamente una proposizione principale, ma pu essere a sua volta subordinata ad unaltra proposizione principale, come in (4):Mi hanno detto che dovr fare unottima prova, se voglio veramente ottenere lincarico.

 

a)Semantica del costrutto condizionale

Parlando di periodo ipotetico e costruttto condizionale si identifica la costruzione in base alle sue caratteristiche funzionali: con la protasi si ipotizza una condizione, soddisfatta la quale si ha come conseguenza quanto espress

s